fbpx
Image

7 curiosità sull’impatto dello storytelling

L’efficacia dello storytelling è nota a tutti:

1) Attira rapidamente l’attenzione
2) Suscita emozioni
3) Resta impresso nella mente
4) É contagioso e virale
5) Rende l’apprendimento intuitivo, veloce e facile
6) Favorisce l’identificazione e la vicinanza
7) Permette di ricordare e apprendere attraverso esempi.

Quello che vogliamo fare oggi è fornirti dei dati sull’uso dello storytelling che ti sorprenderanno:

– Né la Banca Mondiale, né il Pentagono, né la NASA possono resistere al potere delle storie: da anni queste prestigiose organizzazioni insegnano ai loro team a raccontare storie. E lo stesso vale per aziende come IBM, Microsoft, Google, SAP, Greenpeace, McDonald’s o Deloitte, per citarne solo alcune.

– La rivista Smith Magazine, dedicata alla narrazione in tutte le sue forme (raggruppa le sue storie in categorie come “vita digitale”, “lavoro” o “felicità”). Nella loro proposta, tutti sono invitati a partecipare, ascoltare e contribuire con le proprie storie personali. L’iniziativa “Six-Word Memoirs”, storie semplici raccontate in sei parole, è stata un successo clamoroso.

– La maggior parte delle persone pensa che una storia è buona quando è lunga. Ma non è sempre così. Ricordi il prodotto per la pulizia Mastro Lindo? Nell’annuncio, il personaggio arriva in una casa sporca [approccio e conflitto], pulisce [azione per il cambiamento e risultato] e se ne va. Una narrazione breve e potente, ma d’effetto.

– Anni fa, Coca Cola ha inaugurato a Las Vegas, il World of Coca-Cola, che ospita un vero e proprio teatro dedicato alla narrazione digitale.

– Diverse università in tutto il mondo offrono una formazione volta a comprendere e sfruttare al massimo questo formato: materie, corsi e master (es. IEBS School) dedicati alla padronanza dell’arte della narrazione.

– Dieci anni fa, Volkswagen ha lanciato la campagna “Beetle Stories: A Collection of Stories Lived Together with a Beetle” raccogliendo storie su come l’iconico modello di auto fosse il luogo del primo bacio, di un parto di fortuna o di una notte in viaggio. Il marchio ha così raggiunto uno degli scopi cruciali di ogni narrazione: catturare non solo l’attenzione, ma l’emozione.

– La tattica segreta di Barack Obama? Noto in passato come lo “storyteller-in-chief”, Obama è sempre stato consapevole dell’impatto di un buon racconto. Negli Stati Uniti, sia i democratici che i repubblicani si affidano a terzi per scrivere le storie di vita dei loro candidati.
E non solo.. personaggi famosi come Bono degli U2, Steve Jobs o George Clooney sfruttano questo strumento nei loro discorsi , come un’infallibile arma di seduzione. L’avevi notato?

Related Articles

Privacy e Cookie Policy

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, Orange Comunications srl P.I. 02738930425, titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso. Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies su https:/www.orangecommuniction.it/cookies-privacy