fbpx

7 errori nel mobile marketing [e come evitarli]

Il tasso di penetrazione degli smartphone ha superato già il 90% nella maggior parte dei paesi del mondo, con utenti collegati al proprio dispositivo 24 ore su 24. C’è mai stato uno strumento di marketing così potente?
Tuttavia, ci sono ancora molte insidie quando si tratta di pianificare ed eseguire strategie di mobile marketing. Ecco gli errori più comuni e come evitarli:

1. TANTI CONTENUTI – Molte campagne di marketing ignorano aspetti evidenti: la quantità di contenuti visualizzabili da smartphone è ridotta.
I display sono piccoli e quindi è più difficile per l’utente scrollare. É bene assicurarsi che il contenuto più importante appaia nella parte superiore dello schermo cercando di sintetizzare il più possibile i concetti.

2. IMPERSONALIZZAZIONE – Gli smartphone sono dispositivi molto personali. Li utilizziamo per comunicare con le persone che amiamo, conservare immagini di momenti importanti e spesso ci addormentiamo con loro. Ecco perché anche il marketing deve essere il più possibile personalizzato.

3. CANALE AGGIUNTIVO – Anche se utilizzato quotidianamente, lo smartphone è un dispositivo sofisticato con il quale è possibile creare esperienze innovative che generano emozioni per l’utente e forniscono un valore aggiunto.
Sfrutta tutte le possibilità che esso offre, esplora le diverse applicazioni, crea interazioni con il mondo offline (attraverso la realtà aumentata, per esempio), ecc. scopri nuovi modi di comunicare per offrire ai tuoi clienti momenti unici.

4. TEMPO DI CARICAMENTO ECCESSIVO – Se l’utente ha più pazienza con il computer, quando si tratta di navigare da smartphone, vuole tutto e subito. Per questo motivo è importante che il sito web si carichi il più rapidamente possibile.

Indaga sulle ragioni che possono rallentare il tuo sito web. Forse ha a che fare con i plugin che usi, con il peso delle immagini che carichi o con l’hosting che hai scelto.

5. OPPORSI AI VIDEO. Centinaia di studi indicano che gli utenti sono sempre più attratti dai contenuti video (il consumo di video online da dispositivi mobili ha un tasso di crescita del100% all’anno). Per questo motivo le campagne statiche sono, senza dubbio, uno dei principali errori del mobile marketing. Crea video! Con l’entusiasmo e la motivazione che generano, accenderanno la scintilla necessaria per tenere vicini i tuoi clienti.

6. MISURARE – La misurazione dei risultati di ogni azione di marketing può essere considerata una perdita di tempo. Tuttavia, non farlo significa perdere la possibilità di stabilire una connessione con i propri consumatori, ma anche di raggiungerli più efficacemente in futuro.

Utilizza la tecnologia per misurare l’efficacia delle tue campagne e ottenere il massimo dal tuo pubblico.

7. TRASCURARE IL DESIGN – Sappiamo già che gli utenti scrutano i contenuti da mobile, soffermandosi solo quando c’è qualcosa che attira realmente la loro attenzione. Focalizzarsi troppo sulla tecnica o sul tipo di contenuto non aiuterà se il design non viene preso in considerazione.

Crea contenuti interessanti, strutturando correttamente le informazioni per far sì che l’utente rimanga.

Email Marketing e Mobile

Le tue email ottimizzate per campagne di successo

Vuoi creare un profilo o una pagina social? Vuoi registrarti ad un sito web per ricevere aggiornamenti o magari effettuare un acquisto? Qual è il primo passo? Dovrai necessariamente fornire un indirizzo email attivo… E questo la dice lunga sulla potenza dell’email marketing! Infatti, secondo due differenti ricerche effettuate rispettivamente da Hubspot e IBM, una percentuale compresa tra il 46% e il 49% degli utenti apre l’email da smartphone.

È il caso di dire che il mobile supera il desktop anche per la consultazione della casella di posta!

Il Mobile è ormai da tempo un touchpoint indispensabile per stabilire contatti di valore. Implementare o addirittura basare la propria strategia di comunicazione, tenendo conto delle modalità di fruizione dei consumatori, ormai quasi totalmente mobile, significa partire con uno straordinario vantaggio competitivo in termini di posizionamento sul mercato.

È vero che la tecnologia si muove a una velocità incredibile e non è sempre possibile prevedere cosa verrà adottato in futuro. Ma è chiaro che adottare una strategia che sfrutti la potenza del Mobile e la personalizzazione e integrazione dell’Email, può dare ai brand il vantaggio di cui hanno bisogno per essere sempre all’avanguardia.

Investire nel mobile email marketingI vantaggi

Un’email ben strutturata consente di:

  • inviare comunicazioni informative e/o promozionali più professionali rispetto ad altri canali
  • includere più informazioni contemporaneamente in una sola comunicazione
  • comunicare in maniera diretta aumentando le probabilità di risposta/click su CTA
  • automatizzare le comunicazioni successive in base alle reazioni degli utenti

L’innovazione di ADA non si ferma mai!

Progetta l’email perfetta e conquista l’attenzione dei tuoi clienti

L’ultimo aggiornamento della piattaforma riguarda proprio UpperMail.
Le email e le newsletter realizzate con UpperMail sono progettate specificamente per il Mobile, ma ottimizzate per tutti i device, client di posta e display.

Le novità rilasciate rendono il tool per la creazione, l’invio e la misurazione dei risultati di campagne di Email Marketing ancora più efficace e performante, oltre che completo.

  • EDITOR DI TESTO: maggiore precisione e personalizzazione nella formattazione dei testi e degli elementi che compongono l’email
  • LINK DI APPROFONDIMENTO: per personalizzare e rendere più interattivi gli oggetti “Testo” e/o “Box di testo” con collegamenti automatici
  • NUOVI OGGETTI: “Immagine + Testo”, per arricchire un’immagine con un breve testo descrittivo e “Codice HTML”, per un’esecuzione più rapida delle email
  • AGGIUNGI AL CALENDARIO: per memorizzare automaticamente appuntamenti/inviti
  • CALLs TO ACTION: completa personalizzazione, introduzione nuove CTAs (Email, Chiama, Mappa) e CTAs Multiple
  • PERSONALIZZAZIONE ANTEPRIMA del testo email visualizzato dall’utente direttamente sul client di posta
  • ANALYTICS: perfezionamento dati top Clic

Conquistare l’attenzione dell’utente all’interno della sua casella di posta è una sfida costante, ma assolutamente non impossibile.
Scopri come è semplice con ADA! Un’interfaccia intuitiva, l’editor Drag & Drop e una combinazione unica di tool integrati che ottimizzeranno le tue strategie digitali in un batter d’occhio 

Marketing Automation: vantaggi per i team

Vuoi sapere cos’è la Marketing Automation?

In questo articolo capirai perché è fondamentale implementarla per ottimizzare le attività di Sales e Digital Marketing.

La Marketing Automation può aiutarti ad allineare il lavoro dei team Sales e Marketing generando un maggior volume di opportunità. Continua a leggere e scopri come aumentare le vendite, evitare noiosi processi aziendali e ottimizzare gli sforzi.

1. Che cos’è la Marketing Automation nel mondo del marketing digitale?

– La MARKETING AUTOMATION consente di semplificare le attività più ripetitive, affidandole a software che compiono l’azione in modo più accurato, con un margine di errore minimo.

“Tra i processi di Marketing Automation più efficaci, l’invio automatizzato di Email e la configurazione di messaggi inviati dai Chatbot”.

– Perché automatizzare i processi? Per ottimizzare al massimo gli sforzi dei professionisti del Marketing utilizzando il minimo delle risorse, velocizzando il flusso di comunicazione con i clienti e generando un elevato ritorno sull’investimento.

– AUTOMATIZZA TUTTE LE TUE CAMPAGNE! Con ADA puoi scegliere da quale campagna o tool far partire il tuo flusso di lavoro.

2. Perché scegliere la Marketing Automation?

– MAGGIORE EFFICIENZA dei processi e degli obiettivi strategici con conseguente aumento della produttività e delle prestazioni di tutto il team.

– È LA TECNICA PIÙ EFFICACE per accelerare il processo di vendita.

– PROFILAZIONE PIÙ ACCURATA: i lead che hanno interagito con le tue comunicazioni, saranno profilati in base alle risposte fornite in ogni fase del funnel di vendita.

– UNA VISIONE COMPLETA di ciascun lead e utile. Potrai infatti estrarre dati su abitudini e comportamenti che ti aiuteranno a identificare e profilare i lead realmente interessati al prodotto, alimentandone il coinvolgimento con contenuti diversificati. Più il lead è profilato, più efficace sarà la strategia di Marketing Automation.

– FLUSSI DI COMUNICAZIONE PERSONALIZZATI per ogni tipo di cliente e prodotto, migliorando le esperienze di interazione dell’utente con il marchio. Poiché la comunicazione è specifica per ogni segmento, quanto più il messaggio è personalizzato, maggiore sarà la possibilità di convertire.

– TASSI DI CONVERSIONE MIGLIORI: potrai offrire soluzioni personalizzate al momento giusto.

Vuoi automatizzare i processi di marketing della tua attività e aumentare le vendite? Prova ADA!

Contenuti social che generano conversioni

Vorresti convertire un numero maggiore di lead attraverso i social network, ma non sai da dove iniziare? Con ADA puoi trasformare semplici visitatori in clienti, offrendo loro contenuti selezionati, pertinenti e perfettamente integrati fra loro.

In questo articolo, vedremo come cogliere nuove opportunità attraverso contenuti social dal forte impatto emozionale, che faranno innamorare i tuoi followers.

Come convertire più lead con ADA Social Content
Un tool che semplifica la generazione di contenuti, li seleziona e organizza, aiutandoti a verificare quanto è efficace la tua comunicazione.

– CREA CONTENUTI EMOZIONALI E CONDIVIDILI SUI TUOI CANALI SOCIAL
Crea contenuti emozionali per il tuo piano editoriale, seguendo gli step strategici del Convergent Marketing®. Potrai creare dei post social, arricchendoli con contenuti convergenti creati con ADA, come MovieTellingStoryTelling e ChatBot. In questo modo, otterrai un engagement maggiore, aumentando le possibilità di conversione dei tuoi lead.

https://www.adaoncloud.com/it/wp-content/uploads/sites/7/2020/10/social-content-300x102.jpg 300w, https://www.adaoncloud.com/it/wp-content/uploads/sites/7/2020/10/social-content-768x261.jpg 768w, https://www.adaoncloud.com/it/wp-content/uploads/sites/7/2020/10/social-content-1024x348.jpg 1024w" sizes="(max-width: 2551px) 100vw, 2551px" style="box-sizing: border-box; border: 0px; vertical-align: top; margin: 0px; padding: 0px; font: inherit; max-width: 100%; height: auto; display: block;">


– REALIZZA POST CON IL TOOL ADA SOCIAL CONTENT

Puoi realizzare nuovi post dal tool Social Content di ADA. I post salvati saranno sempre disponibili nella sezione Archivio – Social Content. Tra i vantaggi di questo tool, la possibilità di riprodurre i formati slideshow e carousel di Facebook.

https://www.adaoncloud.com/it/wp-content/uploads/sites/7/2020/10/social-content-2-300x137.jpg 300w, https://www.adaoncloud.com/it/wp-content/uploads/sites/7/2020/10/social-content-2-768x350.jpg 768w, https://www.adaoncloud.com/it/wp-content/uploads/sites/7/2020/10/social-content-2-1024x467.jpg 1024w" sizes="(max-width: 2552px) 100vw, 2552px" style="box-sizing: border-box; border: 0px; vertical-align: top; margin: 0px; padding: 0px; font: inherit; max-width: 100%; height: auto; display: block;">


– RICERCA CONTENUTI

Ricerca contenuti in linea con il tuo brand, il tuo settore e i tuoi obiettivi, utilizzando il motore semantico che alimenta il tool Social Content.
Ti basterà inserire delle parole chiave e avviare la ricerca. Potrai anche escludere le parole che desideri escludere. Questa azione ti permetterà di selezionare i contenuti più pertinenti per il tuo target e i tuoi obiettivi strategici.

https://www.adaoncloud.com/it/wp-content/uploads/sites/7/2020/10/social-content-3-300x148.jpg 300w, https://www.adaoncloud.com/it/wp-content/uploads/sites/7/2020/10/social-content-3-768x379.jpg 768w, https://www.adaoncloud.com/it/wp-content/uploads/sites/7/2020/10/social-content-3-1024x506.jpg 1024w" sizes="(max-width: 2536px) 100vw, 2536px" style="box-sizing: border-box; border: 0px; vertical-align: top; margin: 0px; padding: 0px; font: inherit; max-width: 100%; height: auto; display: block;">


– OTTIENI UN PIANO DI CONTENUTI PERSONALIZZATO CON ADA

Definisci e pianifica tutti i tuoi contenuti. Dashboard dedicate ti consentiranno di monitorare l’andamento delle tue comunicazioni. Saprai quali post funzionano meglio, potrai verificare il trend di pubblicazione, il numero di commenti e likes ottenuti, il valore del sentiment e le emozioni generate sul tuo pubblico.

https://www.adaoncloud.com/it/wp-content/uploads/sites/7/2020/10/social-content-4-300x116.jpg 300w, https://www.adaoncloud.com/it/wp-content/uploads/sites/7/2020/10/social-content-4-768x296.jpg 768w, https://www.adaoncloud.com/it/wp-content/uploads/sites/7/2020/10/social-content-4-1024x395.jpg 1024w" sizes="(max-width: 2542px) 100vw, 2542px" style="box-sizing: border-box; border: 0px; vertical-align: top; margin: 0px; padding: 0px; font: inherit; max-width: 100%; height: auto; display: block;">


– CONTENUTI SOCIAL RILEVANTI

Potrai inoltre visualizzare quali hanno avuto un impatto positivo, negativo o neutro e, in base all’interesse del tuo pubblico, decidere di creare un contenuto specifico che risvegli davvero l’attenzione. A questo punto, potrai programmare i post più interessanti e, allo stesso tempo, archiviare quelli che potrebbero essere utili per un altro arco temporale. E non solo… con ADA Social Content è possibile inviare l’intero piano editoriale al responsabile di reparto, per fornire, prima della pubblicazione, un riepilogo (che potrà essere approvato o modificato) dei contenuti programmati.

3 fattori vincenti per attirare l’attenzione degli utenti

Quando si tratta di annunci visualizzati da smartphone, il nostro cervello li elabora molto più velocemente. Il 67% degli utenti impiega solo 0,4 secondi per visualizzare un annuncio sul proprio smartphone e meno di 1 secondo ad elaborarlo. Questi sono i risultati dello studio condotto da Mobile Cognition Research, per il quale sono state utilizzate tecniche di analisi come l’eye-tracking e l’elettroencefalogramma.

Per questo motivo è essenziale catturare l’attenzione dell’utente fin dal primo momento. In passato, il rapporto digitale dei marchi con il pubblico avveniva per lo più da desktop, ma attualmente, più del 90% delle interazioni avviene da smartphone. Le aziende devono quindi adattare la propria comunicazione secondo i comportamenti di “utenti mobile”, la cui attenzione è sempre più limitata. Gli obiettivi, tuttavia, sono chiari: coinvolgere e fidelizzare.

Quali sono gli elementi necessari per attirare l’attenzione?

– Colore. È essenziale incorporarlo nel messaggio perché è la prima cosa che il cervello rileva, tra il decimo e il centesimo millisecondo.

– Semplicità. Ci sono due elementi che devono essere presi in considerazione: l’annuncio pubblicitario e la piattaforma con cui viene presentato all’utente. È stato dimostrato che il modo più efficace per farlo è o mostrare un annuncio complesso in un ambiente pulito, o un semplice annuncio in un ambiente complesso. Queste combinazioni sono quelle che generano più impatto.

– Movimento. Lo studio dimostra che il movimento è in grado di generare più emozioni, ed è per questo che le pubblicità che incorporano video creano una maggiore risposta emotiva rispetto a una pubblicità statica.

Ciò nonostante, la maggior parte dei video non sfrutta appieno il proprio potenziale. I più efficaci devono avere le seguenti caratteristiche:
– Catturare l’attenzione attraverso colorivolti e testi. In questo modo il cervello si concentra più facilmente sul messaggio.
– Contenere sottotitoli. Sono essenziali se si considera che l’85% degli annunci di telefonia mobile sono visualizzati senza audio. I testi evitano che l’utente distolga l’attenzione.

Altri formati che ottengono risultati positivi:

– I cubi 3D, il controllo vocale e la realtà aumentata garantiscono l’attenzione dell’utente fino a 46 secondi. In questo senso, la tecnologia è un alleato per creare esperienze memorabili che abbiano un notevole impatto emotivo.

– La combinazione di un’azione esterna con lo smartphone genera una maggiore predisposizione all’acquisto. Online e offline vanno di pari passo.

– La gamification, e più specificamente i mini-giochi interattivi vengono percepiti molto positivamente dal pubblico e contribuiscono a generare engagement con i brand.

7 curiosità sull’impatto dello storytelling

L’efficacia dello storytelling è nota a tutti:

1) Attira rapidamente l’attenzione
2) Suscita emozioni
3) Resta impresso nella mente
4) É contagioso e virale
5) Rende l’apprendimento intuitivo, veloce e facile
6) Favorisce l’identificazione e la vicinanza
7) Permette di ricordare e apprendere attraverso esempi.

Quello che vogliamo fare oggi è fornirti dei dati sull’uso dello storytelling che ti sorprenderanno:

– Né la Banca Mondiale, né il Pentagono, né la NASA possono resistere al potere delle storie: da anni queste prestigiose organizzazioni insegnano ai loro team a raccontare storie. E lo stesso vale per aziende come IBM, Microsoft, Google, SAP, Greenpeace, McDonald’s o Deloitte, per citarne solo alcune.

– La rivista Smith Magazine, dedicata alla narrazione in tutte le sue forme (raggruppa le sue storie in categorie come “vita digitale”, “lavoro” o “felicità”). Nella loro proposta, tutti sono invitati a partecipare, ascoltare e contribuire con le proprie storie personali. L’iniziativa “Six-Word Memoirs”, storie semplici raccontate in sei parole, è stata un successo clamoroso.

– La maggior parte delle persone pensa che una storia è buona quando è lunga. Ma non è sempre così. Ricordi il prodotto per la pulizia Mastro Lindo? Nell’annuncio, il personaggio arriva in una casa sporca [approccio e conflitto], pulisce [azione per il cambiamento e risultato] e se ne va. Una narrazione breve e potente, ma d’effetto.

– Anni fa, Coca Cola ha inaugurato a Las Vegas, il World of Coca-Cola, che ospita un vero e proprio teatro dedicato alla narrazione digitale.

– Diverse università in tutto il mondo offrono una formazione volta a comprendere e sfruttare al massimo questo formato: materie, corsi e master (es. IEBS School) dedicati alla padronanza dell’arte della narrazione.

– Dieci anni fa, Volkswagen ha lanciato la campagna “Beetle Stories: A Collection of Stories Lived Together with a Beetle” raccogliendo storie su come l’iconico modello di auto fosse il luogo del primo bacio, di un parto di fortuna o di una notte in viaggio. Il marchio ha così raggiunto uno degli scopi cruciali di ogni narrazione: catturare non solo l’attenzione, ma l’emozione.

– La tattica segreta di Barack Obama? Noto in passato come lo “storyteller-in-chief”, Obama è sempre stato consapevole dell’impatto di un buon racconto. Negli Stati Uniti, sia i democratici che i repubblicani si affidano a terzi per scrivere le storie di vita dei loro candidati.
E non solo.. personaggi famosi come Bono degli U2, Steve Jobs o George Clooney sfruttano questo strumento nei loro discorsi , come un’infallibile arma di seduzione. L’avevi notato?

Le 3 tecniche di vendita che dovresti conoscere

Non è sufficiente avere un buon prodotto o servizio per commercializzarlo. È necessario sapersi mettere in contatto con il cliente: per questo motivo le tecniche di vendita sono essenziali per chiudere un processo di acquisto, sia che vengano applicate allo sportello, in una stanza, al telefono o sul web.
Qui ti mostriamo tre strategie specifiche e super efficaci per creare un po’ di “magia” tra te e l’utente.

1. TECNICA FAB

Si tratta di una tecnica molto versatile, dall’inglese Features, Advantages, Benefits
Queste sono le fasi in cui dovrebbe essere utilizzato:
1) In primo luogo, le caratteristiche del prodotto in promozione vengono spiegate in dettaglio al cliente.
2) Poi il venditore sottolinea i vantaggi che otterrà dal prodotto e perchè la proposta in questione sia migliore di altre soluzioni sul mercato.
3) Infine vengono mostrati i vantaggi del suo utilizzo, che coincidono con le esigenze del cliente.
È una formula con una struttura semplice e diretta, che può essere applicata a qualsiasi tipo di persona.

2. TECNICA Raccogliere – rispondere – consegnare – chiudere

Ian Adams ha introdotto questa tecnica di vendita, che guida la comunicazione tra venditore e cliente secondo il seguente schema:
1) Ottenere informazioni. Seguendo la tecnica FAB, il venditore dovrebbe scoprire come l’utente ha usato il prodotto/servizio per l’ultima volta.
2) Rispondere alle informazioni. In questo caso, va sottolineata l’importanza dell’ultima esperienza del cliente con il prodotto/servizio.
3) Fornire informazioni. Si tratta di un passo fondamentale, in cui la vendita è focalizzata su qualcosa che va oltre il prodotto.
4) Fare una richiesta e chiudere la vendita. Il processo si conclude con la richiesta di acquisto.

3. TECNICA FFF

Questa tecnica di vendita è molto semplice e decisa. Dall’inglese, Feel, Felt, Found. è perfetta per il momento in cui il cliente inizia a manifestare obiezioni per non effettuare l’acquisto.
A quel punto, il venditore deve entrare in empatia il più possibile con il cliente. Egli farà appello al riconoscimento dei suoi sentimenti. In particolare, baserà il suo discorso sul fatto che le sue argomentazioni sono valide e che capisce perfettamente come si sente (Feel), spiegherà come gli altri si sono sentiti così prima (Felt), e come hanno trovato nel suo prodotto o servizio una soluzione molto soddisfacente (Found).

Perché nel 2030 l’esperienza del consumatore dipenderà dall’IA?

Come sarà l’esperienza del cliente tra un decennio? Dipenderà dall’atteggiamento degli utenti, dall’impegno delle aziende e da come si relazioneranno l’uno con l’altro.

Le previsioni indicano che tra 10 anni, il 69% delle decisioni prese dopo l’interazione tra utente e azienda saranno prese da macchine intelligenti. Queste le conclusioni del rapporto Experience 2030: The Future of Customer Experience (di Futurum Research, sponsorizzato da SAS).

COSA PENSANO GLI UTENTI – Secondo i consumatori, come sarà lo scenario economico del 2030? Di cosa sarà capace la tecnologia?

– Il 79% degli utenti si aspetta di indossare indumenti tecnologici per controllare i propri dispositivi. Vestiti eleganti, gioielli o accessori.
– L’80% prevede di utilizzare assistenti virtuali (Alexa, Google Home, Siri…) per fare acquisti online o controllare la propria casa intelligente.
– 8 su 10 immaginano di accettare un prodotto che arriva via drone.
– L’81% si aspetta di interagire con i chatbot.

COSA PENSANO LE AZIENDE – Non sono solo gli utenti ad avere la mente proiettata verso l’Intelligenza Artificiale (AI). Lo stesso vale per le aziende. Nello stesso studio, le aziende consultate ritengono che l’apprendimento automatico, l’analisi predittiva e l’IA saranno molto importanti per la fidelizzazione dei clienti. Dimostrano anche di essere disposte a investire in questo tipo di tecnologia:

Il 62% dei brand sta investendo in assistenti vocali, il 54% in realtà aumentata e virtuale (per mostrare le caratteristiche e l’utilizzo dei loro prodotti) e l’83% prevede di investire nella tecnologia olografica (ci sono aziende che già la utilizzano, come Louis Vuitton, Roland Garros, Nike o Coca Cola).

Perché l’IA sarà così importante?

> Perché fornisce un migliore servizio al cliente
– fornisce risposte accurate ai problemi degli utenti
-ne anticipa le esigenze
– genera valore
– è immediata

>  Perché permette di automatizzare le campagne
– La Marketing Automation permette di progettare campagne molto efficaci, in cui le macchine sono programmate per raccogliere in modo intelligente milioni di dati disponibili, per poi utilizzare tali informazioni per trarre conclusioni che miglioreranno l’efficienza e la redditività delle campagne future.

>Perché favorisce interazioni personalizzate
– Microsoft per esempio, sta studiando come migliorare il rilevamento delle emozioni dei propri clienti da parte delle macchine, sulla base dell’interpretazione del loro tono di voce o delle loro espressioni facciali. L’obiettivo è quello di offrire esperienze più piacevoli, personalizzate ed efficaci attraverso soluzioni tecnologiche.

Privacy e Cookie Policy

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, Orange Comunications srl P.I. 02738930425, titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso. Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies su https:/www.orangecommuniction.it/cookies-privacy