fbpx

Loading color scheme

Privacy e Cookie Policy

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, Orange Comunications srl P.I. 02738930425, titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso. Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies su https:/www.orangecommuniction.it/cookies-privacy

Il futuro è verticale: il marketing del futuro in 5 punti

Le persone amano i video, in particolare, amano visualizzarli da mobile. La fruizione di video su smartphone cresce del 100% ogni anno e addirittura, il 92% degli utenti che visualizza video da mobile, li condivide con i propri contatti.

Seguendo questo trend, ADA propone un tool innovativo, MovieTelling, che combina tra loro più contenuti multimediali e assicura tassi di conversione elevati.

Ma cos’è esattamente? Queste sono le sue caratteristiche principali:

1 – StoryTelling, il suo predecessore. Aziende leader come IBMMicrosoft o NASA conoscono molto bene i benefici dello storytelling (Coca Cola ha iniziato ad utilizzare questo strumento già dall’inaugurazione del World of Coca Cola di Las Vegas). Anche NikeIkea e MacDonalds usano spesso questa strategia nelle loro campagne: raccontare una storia.

Lo storytelling permette di comprendere facilmente il messaggio, trasmetterlo senza difficoltà e generare immediatamente empatia e vicinanza tra marchio e interlocutore. La storia è una porta d’accesso al consumatore e ora, con MovieTellling è possibile fare un ulteriore passo avanti per rispondere a questa esigenza.

2 – Il video, in tutta la sua essenza. Siamo pensatori visivi. Le immagini hanno un impatto maggiore su di noi – ricordiamo l’80% di ciò che vediamo e il 20% di ciò che leggiamo.

Fino a poco tempo fa la scrittura era il mezzo più utilizzato dai brand per far conoscere la “propria storia”. Ora, per raggiungere il pubblico è necessario adattare il racconto al formato visivo.

 

3 – Lo smartphone, protagonista. Gli utenti visualizzano sempre più spesso i contenuti da mobile. Secondo Statcounter GlobalStats, il 55% delle persone utilizza uno smartphone o un tablet per navigare in Internet.

Per rispondere a questa esigenza, MovieTelling si adatta al 100% al formato degli smartphone.

4 – Emozione, nell’occhio del ciclone. La struttura di un racconto e la sua capacità di emozionare l’utente sono fondamentali nel MovieTelling. Un video consente al brand di creare un legame con il cliente fatto di sensazioni positive.

Il video è una modalità di comunicazione visiva che di per sé è in grado di produrre più impatto di un racconto da leggere. Inoltre, nel Customer Journey, permette di raccogliere nuove esperienze e costruire un rapporto più duraturo e significativo con il consumatore.

5 – L’esperienza è multimediale. Esistono piattaforme che consentono di creare MovieTelling personalizzati, gestirli e condividerli automaticamente. Inoltre, permettono di combinare il video con altri contenuti multimediali (link, testi, immagini) per suscitare l’interesse degli utenti e creare esperienze complete mobile to mobile.